WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88
28 novembre 2016

CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI SOCIALI CHE LAVORANO SULL’INCLUSIONE SOCIALE E SCOLASTICA A MILANO

 

WeWorld, Cooperativa Diapason e Centro Studi Riccardo Massa in collaborazione con la Cooperativa La Grande Casa organizzano un laboratorio di formazione su pratiche di prevenzione e contrasto alla dispersione scolastica.

IL PROBLEMA SUL QUALE RAGIONARE: LA DISPERSIONE SCOLASTICA

Con dispersione scolastica si indicano tutte le carriere scolastiche accidentate che si concludono senza il conseguimento di un titolo di studio. Nella dispersione scolastica vanno compresi tutti quei fenomeni che comportano: rallentamento del percorso formale di studio; inadempienze dell’obbligo scolastico; uscite in corso o a fine anno nei diversi gradi di scolarità obbligatoria o post-obbligatoria, prima del raggiungimento del titolo di studio interno ai vari cicli scolastici.

Sono segnali predittivi di dispersione scolastica:
l’evasione dell’obbligo, abbandoni della scuola secondaria superiore, proscioglimento dall’obbligo senza conseguimento del titolo (cfr. assolvimento formale dell’obbligo), bocciature, assenze ripetute e frequenze irregolari, ritardi rispetto all’età regolare, basso rendimento.

L’INCLUSIONE
L’inclusione è la condizione che ognuno sente quando è apprezzato e la sua partecipazione è gradita. La nozione di inclusione riconosce che c’è un “rischio di esclusione” che occorre prevenire attivamente, e al tempo stesso afferma l’importanza del coinvolgimento di tutti gli alunni/studenti nella realizzazione di una scuola realmente accogliente, anche mediante la trasformazione del curriculum e delle strategie organizzative della scuola, che devono diventare sensibili all’intera gradazione delle diversità presenti tra gli alunni e studenti. Se l’integrazione tende ad identifi care uno stato, una condizione, l’inclusione rappresenta piuttosto un processo, ossia la capacità di fornire una cornice dentro cui gli alunni/studenti – a prescindere da abilità, genere, linguaggio, origine etnica e culturale – possano essere ugualmente valorizzati, trattati con rispetto e forniti di uguali opportunità a scuola.

La necessità/idea di organizzare un corso specifico rivolto ad operatori sulla dispersione scolastica nasce da alcune considerazioni legate ai progetti monitorati in questi anni e sull’incontro con diversi stakeholder istituzionali e non. Una considerazione più generale è che sovente chi lavora nel campo del contrasto alla dispersione scolastica ignora un contesto più generale fatto di normative, di allocazione e gestione delle risorse, non solo economiche. In più c’è una forte separazione tra il mondo scuola e il mondo dell’extrascuola: “I risultati raggiunti e le analisi proposte ci hanno poi spinto a volere comprendere se sul tema della dispersione scolastica e quindi dell’abbandono, i rapporti tra sistema scolastico e terzo settore si basino sulla complementarietà o siano al contrario caratterizzati da una sorta di sostituzione.” (LOST, Dispersione scolastica: il costo per la collettività e il ruolo delle scuole e del terzo settore. 2014, indagine promossa da WeWorld in collaborazione con Fondazione Giovanni Agnelli e ABT Cgil).

IL CORSO:
Il disegno del corso di formazione muove quindi dalla volontà di permettere ai partecipanti di:
Conoscere il fenomeno dispersione scolastica e i sistemi in atto di misurazione del fenomeno.
• Conoscere la scuola nella dimensione giuridica, amministrativa e gestionale.
• Conoscere elementi di progettazione di contrasto alla dispersione scolastica.

COSA PENSIAMO DI POTER OFFRIRE:
Acquisire strumenti di analisi e di processo su attività di contrasto della dispersione scolastica.

A CHI CI RIVOLGIAMO:
Operatori, insegnanti della scuola secondaria di 1° e 2° grado.

DOVE SI SVOLGE:
Cooperativa La Grande Casa, Via Francesco Petrarca, 146 – SESTO SAN GIOVANNI (MI).

MODALITÀ:
4 GIORNATE INTENSIVE dalle ore 10.00 alle 17.45 (per max 30 partecipanti).

TIPOLOGIA GIORNATA:
10.00 – 12.00 intervento esperto
12.00 – 13.00 dibattito
pausa
14.00 – 15.30 lavori di gruppo su tematiche inerenti il tema del mattino
15.30 – 16.30 presentazione di un progetto sulla dispersione scolastica
16.30 – 17.45 momento su “Quello che non si deve fare”

COSTI:
80 euro a partecipante.

ESPERTI:
Andrea Marchesi, Anna Rezzara (Centro Studi Riccardo Massa), Daniele Checchi (Università di Milano), operatori di WeWorld e Cooperativa Diapason.

 Scarica il PROGRAMMA COMPLETO e la SCHEDA DI ISCRIZIONE