La Cambogia è uno dei paesi più poveri, più disuguali e più problematici a livello di protezione dei diritti umani in Asia. WeWorld è presente nel paese dal 2009 con programmi incentrati su educazione, protezione dei diritti dell’infanzia e dei migranti.  

Con le bambine, con i bambini

Garantiamo l’educazione di base e ci impegniamo per la riduzione del fenomeno dell ‘abbandono scolastico dei bambini appartenenti alle famiglie più vulnerabili delle aree rurali.  I sistemi di allarme precoce di abbandono scolastico (EWS) ci permettono di identificare rapidamente tali fenomeni così che bambini e adolescenti possano essere supportati per restare a scuola, per essere reintegrati o per seguire le lezioni di alfabetizzazione di base. Altre attività sono volte a rafforzare le azioni di protezione dell’infanzia, con particolare attenzione alla tematica di genere, che rimane comunque trasversalmente presente in tutti i progetti.   

No alla tratta

Lavoriamo per proteggere donne e bambine da matrimoni precoci, abusi sessuali, traffico di esseri umani e tratta: nuove forme di schiavitù che colpiscono milioni di persone, private dei più basilari diritti umani, economici e sociali.   

Negli ultimi anni, abbiamo sviluppato diversi progetti per contrastare la violenza domestica legata alle questioni di genere. Sono state realizzate attività di supporto al councelling per le ragazze nelle scuole primarie, così da poter identificare e prevenire il fenomeno dell’abbandono scolastico e impedire il protrarsi di situazioni di violenza.

Per quello che riguarda il tema dei migranti, siamo intervenuti contro la migrazione insicura, promuovendo azioni di prevenzione e protezione comunitaria e facilitando un dialogo internazionale tra i governi cambogiano e tailandese contro il traffico di migranti e le nuove schiavitù.