In Cambogia oltre un terzo della popolazione vive sotto la soglia di povertà ufficiale. La povertà, la mancanza di posti di lavoro, la violenza fisica sono alcuni tra i fattori determinanti che favoriscono la migrazione. Gli spostamenti in cerca di migliori opportunità sono dovuti allo squilibrio del mercato del lavoro. Molti migranti sono vittime di forme contemporanee di schiavitù quali il traffico di esseri umani, lo sfruttamento del lavoro e il matrimonio forzato. Una serie di fattori contribuiscono allo sfruttamento, tra questi si rileva l’inefficiente applicazione degli attuali piani d'azione per combattere il traffico di esseri umani del Governo Reale della Cambogia (RGC) e l'uso inadeguato della legge in difesa delle vittime. L'azione proposta si rivolge alle 5 province con il maggior numero di vittime della tratta di esseri umani. Le attività coinvolgono le vittime del traffico e dello sfruttamento del lavoro e particolare attenzione è data ai bambini lasciati da genitori migranti. Considerando la forte attenzione dell'intervento sulla difesa, il monitoraggio e la comunicazione, ogni attività di progetto coinvolge diverse categorie di beneficiari, seguendo sia un approccio orizzontale che verticale, per la democratizzazione della società dalla base fino al livello nazionale.