WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88

“VIOLENZA SULLE DONNE. NON C’È PIÙ TEMPO. QUANTO VALE INVESTIRE IN PREVENZIONE E CONTRASTO.  ANALISI SROI (SOCIAL RETURN ON INVESTMENT) DELLE POLITICHE D’INTERVENTO“.

 

Il prossimo 1 Marzo alle ore 10-13 alla Camera dei deputati, WeWorld presenta una nuova indagine, che completa e rilancia la riflessione sui costi, le politiche e gli investimenti necessari per prevenire e contrastare la violenza contro le donne.
Clicca qui per scaricare il Save the Date.

“Violenza sulle Donne. Non c’è più tempo. Quanto vale investire in prevenzione e contrasto.
Analisi SROI (Social Return on Investment) delle politiche d’intervento realizzata grazie contributo di Ubi Banca, che completa e rilancia la riflessione sui costi, le politiche e gli investimenti necessari per prevenire e contrastare la violenza contro le donne.

Un rapporto che, partendo dal quadro normativo della Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia nel 2013, delinea le politiche e i programmi, con i relativi costi di investimento, che consentirebbero di avviare un efficace processo di eliminazione della violenza, realizzando importanti ritorni sociali.
Nel 2013 WeWorld lanciava quella che è diventata una delle indagini più significative nel panorama degli studi volti ad approfondire la conoscenza della violenza maschile contro le donne: “Quanto costa il Silenzio? Indagine nazionale sui costi economici e sociali della violenza contro le donne”.

A fronte dei circa 17 miliardi di costi che il nostro Paese paga quanto sarebbe il ritorno sociale per ogni euro investito in politiche di prevenzione o interventi di contrasto, cura e presa in carico che impediscano il ripetersi della violenza?Quali interventi sembrano avere i ritorni sociali più promettenti?

A tutti questi interrogativi, lo studio di WeWorld, realizzato sotto la supervisione di un Comitato scientifico che include Antonella Picchio (Università di Modena e Reggio Emilia), Giuseppina Muratore (Istat), Michele Palma (Dipartimento per le Pari Opportunità), cerca di dare una risposta per offrire un modello di
pianificazione a lungo termine che porti, a costi ragionevoli, a una drastica riduzione del fenomeno.

Al termine del dibattito verrà presentata la nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi di WeWorld – #TIMEOUT – per dare un aiuto concreto alle oltre 6 milioni di donne che nel nostro Paese subiscono violenze e abusi, spesso di fronte ai loro figli. L’hashtag #TIMEOUT ribadisce che non c’è piùtempo per fermare la violenza contro le donne e i loro bambini. Proprio da qui, da questa urgenza, nasce il simbolo della campagna: Il Time Out. Un gesto semplice e mutuato dal mondo sportivo, a cui si sono uniti tanti volti del mondo dello sport, del cinema e della cultura.