WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88
23 novembre 2020

WeWorld in Kenya

INTERNATIONAL DAY FOR THE ELIMINATION OF VIOLENCE AGAINST WOMEN: OUR WORK IN KENYA

(Italian version below)

FGM and the power of saying “no”- Josephine’s story

When I was very young, my grandmother took me to the circumcision ceremony of a little girl from my village. I was so shocked by what I saw that I didn’t eat for a week. That day, I decided that I would have never had the cut.
Josephine Yicule is a Social Worker working with us in Narok County, Kenya. She comes from the Maasai community, where FGM and early marriages are still widespread practices to date. “When I had the chance to work as a Social Worker I was over the moon because I knew that I would take the opportunity to talk to as many girls as possible from my own community and help them understand that those are harmful acts, which can literally compromise their life.

In Kenya, 4 million girls and women have undergone FGM, with the highest prevalence (21%) among the group aged 15-49. The practice is highly concentrated in the North-Eastern region, and girls and women from rural areas, living in poor households and scarcely educated , mostly if belonging to Somalis, Kisii and Maasai ethnic groups , at greater risk.

Josephine Yicule_okJosephine takes her being a role model for girls in Narok’s Maasai community very seriously. “When I started giving motivational talks in schools, I knew that I would use every opportunity to make sure that at least one or two girls, if not all, did not undergo the cut and continued their studies until Uni.” In these meetings, which she holds in schools sustained by WeWorld’s Long-Distance Support programme, she talks to both girls and boys. Josephine thinks it is essential to involve them in the process of change, since “most of the girls in the community undergo FGM because of pressure from the boys. Boys are convinced that they cannot marry a girl who is not circumcised, and therefore, due to that pressure, the girls undergo the cut, so that they can be accepted by the boys and the community.

After talking to both groups together, I take the girls aside and speak to them privately. I motivate them, I tell them that their life is theirs, and it doesn’t revolve around boys or the community. I make sure they know how to stand their ground and that they speak up when they don’t want something. For example, if it is a forced marriage, I tell them that they can go to their father and say ‘no’, or stand in front of the man who’s marrying them and say ‘no’ “. Josephine loves her work also because it makes her see what impact it has within her community. “There is a school in Kareta where we used to go to hold these meetings, and there I saw for the first time what effect my words had. One of the girls I spoke to the last time came up to me and told me she woke up the next day sure she didn’t want to get circumcised. She went to her parents and repeated everything she had heard me say, word for word! For us, interactions of this type are very encouraging, because you know there is a life that you have changed forever. ” FGM is less common today in Kenya than in previous generations. This progress has been achieved over the last three decades thanks to women like Josephine “and that girl, who said ‘no’ to FGM, she is helping us now. She speaks up in school. She’s changing her schoolmate’s minds.”

Child marriage – Three stories
NanaareNanaare, 20, five children.
From the Maasai community of Narok County
It took me over an hour of boda-boda to come to the clinic, but at least today Mary can get the measles vaccination, she just turned nine months old. Mary is my youngest, I have four other children at home. The oldest is eight, when I gave birth to him I was 12 years old.

Before marriage, I didn’t go to school, I helped around the house, and even now I spend all day looking after my children: I cook, I clean the house, I go fetch the water… I can’t read or write, but my older children all go to Iladoru Primary School, and also Mary will go to school as soon as she is old enough. For her, I want a different future from my own.

 

 

Felitse

Felitse, 20, pregnant with her third childFrom the Maasai community of Narok County

My village is very far from everything. I was 15 when I first became a mother. The day I gave birth to my first daughter, I was trying to reach the nearest hospital with a moto-taxi. The roads here are terrible, full of potholes, all those sudden movements must have done something to me … I got off the boda and gave birth to my daughter at the curb of the road. We never made it to the hospital. We could have died.

 

 

Kimere

 

 

Kimere, 24, six children
From the Maasai community of Narok County
“I never went to school, I got married when I was very young. I was about 10 years old. Soon after, I had my first child, who is now 13. My husband is much older than me and has another wife. I am the youngest one. Us wife, we get along, fortunately. We live in the same village but not in the same house, and that’s okay with me.
The last few months have been difficult, because I usually sell kale at the market but with the COVID-19 I have not been able to go anymore. Now I find it hard to have food every day, also because my older children used to go to school, to Iladoru Primary, but now it has closed, and they eat all meals at home. Even now that the situation has improved, I cannot go back to the market, because Samuel has not been immunized yet, and it would be too dangerous for him. That is why we are here today. After the immunization, I can take him with me to the market.”

FGM, early marriages and maternal mortality in Kenya
Despite being one of the most developed countries in the African continent, out of a total of 187 nations, Kenya occupies the 147th position on the Human Development Index.  The situation is particularly difficult for the female population. With 75.1%, Kenya has one of the highest teenage pregnancy rates in the world. The situation worsened further with the COVID-19 epidemic, during which 152.000 adolescent pregnancies were recorded in just three months. The vast majority of girls who get pregnant don’t go back to school. Another concerning reason for drop-outs are early marriages: It’s estimated that a total of 23% of Kenyan girls are married before their 18th birthday, and 4% are married before the age of 15. Sometimes being married off is a survival tactic, as some communities see their girls as assets (rather than individuals with rights), who can fetch families up to hundreds of goats, cattle, camels and donkeys when married.

Early marriages are a regressive practice, interlinked to that of female circumcision as a sign of transition to adulthood and preparation for marriage. Although there has been considerable progress over the past 30 years, female genital mutilation is still a widespread practice in Kenya, with 4 million girls and women having undergone FGM. An overall 21% of girls and women aged 15 to 49 years have been subjected to the practice, especially in the Somali, Maasai and Kisii communities (prevalent in Narok, Migori and Isiolo counties, where WeWorld works). Kenya banned FGM in 2011, but some ethnic groups like the Masaai still see it as a traditional rite of womanhood before marriage. There are significant regional variations of FGM practice due to great ethnic and cultural diversity, varying from 98% in the North-Eastern region, 78% among Maasai people to 1% in the Western Region. Majority of girls forced into FGM in Kenya drop out of school early and get married very young.

The practice of FGM is detrimental to a woman’s health: during the cutting and afterwards, these young girls suffer from various side effects such as excessive bleeding, anaemia and difficulty in urinating, and combined with pre-adolescent pregnancies and a severe shortage of safe delivery services, FGM contribute to the deaths of 510 mothers per 100.000 births. For comparison, it is a fate that in Italy affects only four women out of the same number of births. WW in Kenya contributes to ending FGM and child marriage through capacity building and empowering learners from primary levels of education while making information available to the community through awareness creation and sensitisation forums.

Our work in Kenya
In Kenya, we concentrate our efforts in the areas of education, health and family support. Thanks to the Long Distance Support program we sustain 18 schools in Migori County and another 18 in Narok County, among which stands Iladoru Primary School, attended by Nanaare, Felitse and Kimere’s older children. Moreover, thanks to a European Union grant, we are supporting 23 additional schools in Isiolo County. Our intervention in schools has the end-goal of improving the quality of education, to encourage as many children as possible to attend school and hope in a better future. We also hold motivational talks for students and parents on alternative rites of passage for girls prone to FGM and early marriages. We also directly involve parents in our activities: we offer vocational training, introductory literacy courses for adults and access to microcredit to provide them with new job opportunities. In the health sector, we benefit communities as a whole by supporting St. Camillus Hospital in Migori County and Maternal Health Clinic in Narok County, where before our arrival a special focus on maternal health and safe delivery was almost non-existent, such as testified by the experience of Felitse. In all the three counties where we work, WeWorld ensures that children under 5 get immunisation form common diseases and Vitamin A and deworming tablets against malnutrition. Moreover, in a country where HIV prevalence stands at 4.9%, we make sure that children affected by HIV have access to healthcare services, providing them with medical and psychological support, while at the same time offering the orphans a new home.

Our partners in Kenya: Community Health Partners, ADS South Riff (Narok County); St. Camillus Dala Kiye (Migori County); VSF, Comitato Collaborazione Medica, Kenya Red Cross, Somirenec, E4Impact (Isiolo County).

—–

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE: IL NOSTRO IMPEGNO IN KENYA

Mutilazioni genitali femminili e il potere di dire “no” – La storia di Josephine 

 

Quando ero molto piccola mia nonna mi portò alla cerimonia di circoncisione di una ragazzina del mio villaggio. Sono rimasta così sconvolta da quello che ho visto che dopo non ho mangiato per una settimana. Quel giorno ho deciso che non mi sarei mai sottoposta al taglio.Josephine Yicule è un’assistente sociale che collabora con noi nella contea di Narok, in Kenya. Proviene dalla comunità Maasai, dove FGM (mutilazioni genitali femminili) e matrimoni precoci sono pratiche ancora oggi molto diffuse. “Quando ho avuto la possibilità di lavorare come assistente sociale ero al settimo cielo, perché sapevo che avrei colto l’occasione per parlare con quante più ragazze possibili appartenenti alla mia comunità e aiutarle a capire che si tratta di atti dannosi, che possono letteralmente compromettere la loro vita.” In Kenya, 4 milioni di ragazze e donne hanno subito FGM, con la più alta prevalenza (21%) nel gruppo di età compresa tra 15 e 49 anni. La pratica è fortemente concentrata nella regione nord-orientale e le ragazze e le donne delle zone rurali, che vivono in famiglie povere e scarsamente istruite, soprattutto se appartenenti a gruppi etnici somali, kisii e maasai, sono maggiormente a rischio.

Josephine Yicule_okJosephine prende con grande serietà il suo ruolo di modello per le ragazze della comunità Maasai di Narok. “Quando ho cominciato a tenere talk motivazionali nelle scuole, sapevo che avrei sfruttato ogni opportunità per assicurarmi che almeno una o due ragazze, se non tutte, non si sottoponessero al taglio e continuassero gli studi fino all’Università.” In questi incontri, che tiene nelle scuole supportate da WeWorld con il Sostegno a Distanza, parla sia con le ragazze che con i ragazzi: Josephine pensa che sia fondamentale coinvolgerli nel processo di cambiamento, poiché “la maggior parte delle ragazze della comunità subisce FGM a causa della pressione dei ragazzi. I ragazzi sono convinti di non poter sposare una ragazza che non è circoncisa, e quindi, a causa di quella pressione, le ragazze si sottopongono al taglio, così da essere accettate dai ragazzi e dalla comunità.

Dopo aver parlato a entrambi, prendo da parte le ragazze e mi rivolgo solo a loro. Le motivo, gli dico che la vita è la loro, e non ruota intorno ai ragazzi o alla comunità. Mi assicuro che sappiano far valere le proprie idee e che parlino quando non vogliono sottostare a qualcosa. Ad esempio, se si tratta di un matrimonio forzato, gli dico che possono andare dal proprio padre e dirgli ‘no’, oppure stare davanti all’uomo che vorrebbe sposarle e dirgli ‘no’”. Josephine ama il suo lavoro anche perché le fa vedere l’impatto che ha all’interno della sua comunità. “C’è una scuola a Kareta dove andavamo a tenere questi incontri e lì ho visto per la prima volta quale effetto avessero le mie parole. Una delle ragazze a cui avevo parlato la volta prima è venuta da me e mi ha raccontato di essersi svegliata il giorno dopo sicura di non volersi circoncidere. È andata dai suoi genitori e gli ha ripetuto tutto quello mi aveva sentito dire, parola per parola! Per noi, confronti di questo tipo sono molto incoraggianti, perché sai che esiste una vita che hai cambiato per sempre.

Le FGM oggi sono meno comuni in Kenya rispetto alle generazioni precedenti. Questo progresso è stato ottenuto negli ultimi tre decenni, grazie a donne come Jospehine “e quella ragazza, che ha detto di no alla sua circoncisione e adesso ci sta aiutando. Non ha paura di parlare della sua decisione. Cambierà le menti delle sue compagne di scuola“.

Matrimoni precoci
NanaareNanaare, 20, cinque figli
Appartenente alla comunità Maasai di Narok
Ci ho messo più di un’ora di boda boda per venire alla clinica, ma almeno oggi Mary può fare il vaccino per il morbillo, ha appena compiuto nove mesi. Mary è la mia ultimogenita, a casa ho altri quattro figli. Il più grande ne ha otto, quando l’ho partorito avevo 12 anni.Prima del matrimonio non andavo a scuola, aiutavo in casa, e anche adesso passo tutto il giorno ad occuparmi dei miei figli: cucino, pulisco la casa, vado a prendere l’acqua…Non so leggere né scrivere ma i miei figli più grandi vanno all’Iladoru Primary School e anche Mary andrà a scuola, non appena avrà l’età. Per lei voglio un futuro diverso dal mio.

 

Felitse

 

 

Felitse, 20, incinta del terzo figlio

Appartenente alla comunità Maasai di Narok
Il mio villaggio è molto distante da tutto. Quando sono diventata madre per la prima volta avevo 15 anni. Il giorno in cui ho partorito la mia prima figlia stavo cercando di raggiungere l’ospedale più vicino con una moto-taxi. Le strade qui sono terribili, piene di buche, tutti quei movimenti bruschi devono avermi fatto qualcosa…Sono scesa dal boda e ho dato alla luce mia figlia sul ciglio della strada. Non siamo mai arrivate in ospedale. Avremmo potuto morire.

 

 

KimereKimere, 24, sei figli
Appartenente alla comunità Maasai di Narok
Non sono mai andata a scuola, mi sono sposata quando ero molto giovane. Avevo circa 10 anni. Poco dopo ho avuto il mio primo figlio, che oggi ha 13 anni. Mio marito è molto più vecchio di me e ha un’altra moglie. Io sono la moglie più giovane. Noi mogli andiamo d’accordo, fortunatamente. Viviamo nello stesso villaggio ma non nella stessa casa e a me va bene così.

Gli ultimi tempi sono stati difficili, solitamente vendo kale al mercato ma con il COVID non sono più potuta andare e adesso faccio fatica ad avere cibo tutti i giorni, anche perché i miei figli maggiori prima andavano a scuola, alla Iladoru Primary, ma adesso è chiusa e mangiano tutti i pasti a casa. Anche adesso che la situazione è migliorata non posso tornare al mercato, perché Samuel non ha ancora fatto l’immunizzazione e sarebbe troppo pericoloso per lui. È per questo che oggi siamo qui. Una volta vaccinato, potrò portarlo con me al mercato.

Il nostro lavoro in Kenya

Nonostante sia uno dei Paesi più sviluppati del continente Africano, su un totale di 187 nazioni, il Kenya occupa la 147° esima posizione nell’Indice di Sviluppo Umano. La situazione è particolarmente grave per la popolazione femminile. Con il 75.1%, il Kenya ha uno dei tassi di gravidanze adolescenziali più alti al mondo. La situazione è ulteriormente peggiorata con l’epidemia di COVID-19, durante la quale si sono registrare 152.000 gravidanze adolescenziali in soli tre mesi. La stragrande maggioranza delle ragazze che rimane incinta non ritorna a scuola. Un altro preoccupante motivo di abbandono sono i matrimoni precoci: si stima che il 23% delle ragazze keniote si sia sposato prima del 18esimo compleanno e che il 4% si sia sposato prima dei 15 anni. A volte il matrimonio è una tattica di sopravvivenza, poiché alcune comunità vedono le loro ragazze come un patrimonio (piuttosto che come individui con diritti), che possono procurare alla propria famiglia fino a centinaia di capre, bovini, cammelli e asini quando vengono date in spose.

Quella dei matrimoni precoci è una pratica regressiva intrinsecamente legata alla circoncisione femminile come fondamentale segno di passaggio all’età adulta e di preparazione al matrimonio. Sebbene ci siano stati notevoli progressi negli ultimi 30 anni, le mutilazioni genitali femminili sono una pratica tuttora diffusa in Kenya, con 4 milioni di ragazze e donne che hanno subito “il taglio”. Complessivamente il 21% delle ragazze e delle donne di età compresa tra i 15 ei 49 anni sono state sottoposte alla pratica, soprattutto nelle comunità somala, maasai e kisii (prevalenti nelle contee di Narok, Migori e Isiolo, dove lavora WeWorld). Il Kenya ha vietato la mutilazione genitale femminile nel 2011, ma alcuni gruppi etnici come i Masaai la vedono ancora come un rito tradizionale del passaggio da ragazza a donna prima del matrimonio. Esistono significative variazioni regionali nella pratica di FGM a causa della grande diversità etnica e culturale, che varia dal 98% nella regione nord-orientale, dal 78% tra i Maasai all’1% nella regione occidentale.

La maggior parte delle ragazze sottoposto a FGM in Kenya abbandonano la scuola presto e si sposano molto giovani. La pratica della mutilazione genitale è deleteria per la salute della donna: durante la circoncisione e in seguito, queste ragazze soffrono di vari effetti collaterali come sanguinamento eccessivo, anemia e difficoltà a urinare, e combinate con gravidanze pre-adolescenziali e una grave carenza di servizi per un parto sicuro, le FGM contribuiscono alla morte di 510 madri ogni 100.000 nascite. Per fare un confronto, è un destino che in Italia riguarda solo quattro donne per lo stesso numero di parti.

In Kenya contribuiamo a porre fine alle FGM e ai matrimoni precoci attraverso il capacity building e l’empowerment delle studentesse sin dai livelli primari di istruzione, e allo stesso tempo rendendo disponibili le informazioni sui danni di tali pratiche regressive a tutta la comunità attraverso la creazione di consapevolezza e forum di sensibilizzazione.

In Kenya, concentriamo i nostri sforzi nei settori dell’istruzione, della salute e del sostegno familiare. Grazie al Sostegno a Distanza supportiamo 18 scuole nella contea di Migori e altre 18 nella contea di Narok, tra cui la Iladoru Primary School, frequentata dai figli maggiori di Nanaare, Felitse e Kimere. Inoltre, grazie a un finanziamento dell’Unione Europea, stiamo sostenendo altre 23 scuole nella contea di Isiolo.
Il nostro intervento ha l’obiettivo finale di migliorare la qualità dell’istruzione, incoraggiare il maggior numero possibile di bambine e bambini a frequentare la scuola e sperare in un futuro migliore. Teniamo anche discorsi motivazionali per studenti e genitori su riti alternativi di passaggio per ragazze inclini a sottoporsi a FGM e matrimoni precoci. Ai genitori offriamo anche formazione professionale, corsi introduttivi di alfabetizzazione per adulti e accesso al microcredito per fornire loro nuove opportunità di lavoro. Nel settore sanitario beneficiamo le comunità nel loro complesso, sostenendo il St. Camillus Hospital nella contea di Migori e la Maternal Health Clinic nella contea di Narok, dove prima del nostro arrivo un focus particolare sulla salute materna e sul parto sicuro era quasi inesistente, come testimoniato dall’esperienza di Felitse. Nelle tre contee in cui lavoriamo, WeWorld garantisce anche che i bambini sotto i 5 anni siano vaccinati contro le malattie più comuni e che gli vengano somministrate vitamina A e sverminanti contro la malnutrizione. Inoltre, in un Paese in cui la prevalenza dell’HIV è del 4,9%, ci assicuriamo che i bambini affetti da HIV abbiano accesso ai servizi sanitari, fornendo loro supporto medico e psicologico, offrendo allo stesso tempo agli orfani una nuova casa.

I nostri partner in Kenya: Community Health Partners, ADS South Riff (Narok County); St. Camillus Dala Kiye (Migori County); VSF, Comitato Collaborazione Medica, Kenya Red Cross, Somirenec, E4Impact (Isiolo County).