WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88

9^ EDIZIONE WEWORLD FESTIVAL
Talk, dibattiti, film e mostre dedicate alle donne e ai loro diritti.

 

Il 23, 24 e 25 novembre, all’UniCredit Pavilion di piazza Gae Aulenti, torna il WeWorld Festival, giunto quest’anno alla sua 9a edizione.

I talk, le tavole rotonde, i film, le performance e le mostre, che si terranno in concomitanza con la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, ruoteranno intorno a empowerment femminile, difesa delle donne e diritti e stereotipi ancora legati alla figura femminile.

Si parte con l’empowerment femminile, condizione imprescindibile, secondo l’ultimo WeWorld Index 2018, per la creazione di una società più giusta ed equa. E’ proprio l’empowerment femminile uno dei nostri obiettivi primari all’interno dei progetti Spazio Donna Italia. Nati nei quartieri più difficili di Roma, Napoli e Palermo i centri Spazio Donna accolgono, tutti i giorni, donne di ogni età per offrire loro un luogo in cui parlare, discutere, confrontarsi e trovare, là dove necessario, aiuto.

Difesa delle donne: lavoriamo a fianco delle donne nei progetti non solo in Italia ma in tutto mondo; dal Brasile in cui il femminicidio è ormai emergenza nazionale, come emerso dai dati IPEA (2017) nel 2015 le donne uccise dal proprio compagno sono state 4.621, al Nepal dove nascere donna ancora oggi rappresenta uno svantaggio: il 37% delle bambine nepalesi è data in sposa prima dei 18 anni, facendo crollare al 38% il tasso di alfabetizzazione delle donne di tutto il Paese.

Un focus particolare sarà infine dedicato ai diritti e agli stereotipi ancora legati alla figura femminile. Come emerso dalla nostra ultima ricerca condotta nel 2017 con Ipsos, sono ancora forti gli stereotipi contro le donne, spesso sostenuti dalle donne stesse. Per il 16% degli italiani infatti la violenza contro le donne nasce sempre da una provocazione della donna stessa e per il 17% degli intervistati l’istruzione universitaria è ritenuta più importante nella vita di un uomo che di una donna.

Guarda il programma, seleziona l’appuntamento che ti interessa e prenota il tuo biglietto.
GLI APPUNTAMENTI SONO GRATUITI CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA. È gradita la donazione.

PROGRAMMA

Clicca su ciascuna data per scoprire tutti gli appuntamenti del WeWorld Festival e prenotare il tuo posto.

  • 23 Novembre
  • 24 Novembre
  • 25 Novembre
  • Sala Franca Rame
  • Sala Frida Kahlo
  • Sala Margherita Hack
Ore 10:00
FILM: DeNTRO

Di Andres Arces Maldonado| 2016|Italia|93’

DENTRO è il crudo ma tenero racconto della sorellanza fra due donne, Ada e Liliana, una signora borghese e la sua inserviente, che si incontrano e si riconoscono simili nel vivere, ciascuna all’interno del rapporto di coppia col proprio marito, una realtà che si dice amore e che è possesso, sopruso, paura, violenza, dominio ma anche, a tratti amore.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 10:00
Donne e minori nei procedimenti giudiziari: spunti di riflessione su tutele, garanzie e ruolo dell’avvocatura Convegno con assegnazione di crediti

Con il Comitato Pari Opportunità – Ordine degli Avvocati di Milano.

Iscrizione online su FormaSfera.

Ore 10:00
Workshop per le aziende: “Violenza, stereotipi e altre questioni di genere”. Responsabilità personali, collettive e legali. Organizzato da WeWorld Onlus e Newton - società di formazione, engagement ed eventi.

Gratuito.

Un Workshop per ascoltare, sperimentare, condividere e apprendere cosa si può fare in azienda per rinforzare la parità di genere. Nel corso dell’incontro quattro importanti aziende, P&G, Canon, Microsoft e Carrefour racconteranno la loro esperienza.

Programma
9.30  Registrazione e Welcome Coffee
10.00 – 13.00 Workshop

Clicca qui per iscriverti.

Ore 10:30
Workshop ‘EXPONI LE TUE IDEE!’ – Edizione Speciale “#Metoo. Molestie sul luogo di lavoro: caccia alle streghe o problema vero?”

Una competizione educativa, rivolta alle scuole superiori, che prende forma in dibattito in cui due squadre si sfidano argomentando e sostenendo con opportune ricerche, prove e documenti la posizione pro o contro su temi di attualità che contribuiscono ad accrescere il senso civico. Nell’edizione speciale di quest’anno le squadre arrivate in finale si confronteranno sotto l’attenta supervisione di giudici speciali e personaggi di rilievo.

Ore 10:30
TALK: Quando il Capo è Donna: storie di leadership al femminile

Dal risvolto sociale all’esperienza diretta sul campo, accademia e impresa si confrontano in questo talk dedicato a cosa voglia dire essere donna, leader e imprenditrice oggi.

Intervengono:
Simona Cuomo, SDA Bocconi School of Management
Emmanuele Massagli, Presidente Fondazione Adapt
Serenella Antoniazzi, imprenditrice
Barbara Del Neri, Direttore Marketing P&G Sud Europa.

Modera: Marina D’Incerti, Donna Moderna.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 11:30
TALK: Quando si chiude una porta: storie di donne e di violenza in Italia

La violenza contro le donne in Italia ha numeri allarmanti: una donna su tre nella sua vita subisce un episodio di violenza. Parliamo di oltre 600mila donne. Molte di loro sono madri. Nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne WeWorld Onlus accende ancora una volta i riflettori su questo problema per raccontare esperienze di vita e interventi sul campo.

Simonetta Agnello Hornby – Avvocato e scrittrice
Fabio Roia – Magistrato penale, Presidente di una sezione del Tribunale di Milano
Marco Chiesara -Presidente WeWorld Onlus
Roberta Fiore – Coordinatrice Spazio Donna WeWorld a Scampia (Napoli)

Modera: Roberta Scorranese, Corriere della Sera

Clicca qui per iscriverti.

Ore 15:00
TALK: Per restarti vicino: storie di bambini, mamme e carcere Incontro a cura del Festival dei Diritti Umani

Non si possono rinchiudere i bambini in carcere, neppure per stare vicini ai loro genitori detenuti. Nei Paesi Baschi, alla fine del lungo conflitto, l’organizzazione Sare sta provando a risolvere il tema dell’allontanamento forzato genitori/figli. E in Italia ci sono strutture pensate per rendere meno traumatizzante la detenzione di bambini e mamme.

Intervengono
Sara Majarenas, madre ed ex detenuta – Paesi Baschi
Marianna Grimaldi,funzionario giuridico pedagogico Icam, l’Istituto a Custodia Attenuata per detenute madri
Modera Danilio de Biasio, Direttore Festival dei Diritti Umani

Segue la visione del documentario in anteprima
LOS NINOS DE LA MOCHILA | 2018 | SPAGNA | 55’

Documentario sulla vita dei figli dei prigionieri politici legati al conflitto Basco. Più di 100 tra bambini e adolescenti che per vedere le madri e i genitori devono percorrere ogni settimana centinaia e centinaia di km.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 15:00
FILM IN ANTEPRIMA: RBG

Di Julie Cohen |2018 | USA | 98′

Sguardo alla vita eccezionale e alla carriera di Ruth Bader Ginsburg, una delle quattro donne che hanno fatto parte della Corte Suprema americana. Per gran parte della sua carriera, la Ginsburg si è occupata dei diritti delle donne, promuovendo l’uguaglianza di genere e diventando un’icona inaspettata della cultura pop.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 15:00
FILM IN ANTEPRIMA: Seven Women

Di Yvonne Scio’ | 2018 | ITALIA | 56′

Introduce il film: Yvonne Sciò

Da Rosita Missoni fondatrice, con Ottavio, dell’omonima azienda alla giornalista Rula Jebreal, da Patricia Field costumista di Sex and the City e Il Diavolo veste Prada a Bethann Hardison, prima top model al mondo di colore e attivista per i diritti degli afroamericani; da Susanne Bartsch e Alba Clemente, artiste newyorkesi, fino a Fran Dresher icona della serie cult The Nanny: sette donne si confessano all’obiettivo della regista. Un racconto di storie talvolta, difficili ma anche di riscatti, di sogni e di passioni; un viaggio privato nella vita delle protagoniste attraverso il filo della loro voce.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 15:00
FILM IN ANTEPRIMA: DOLORES

di Peter Bratt | 2017 | USA | 95′

Dolores Huerta è tra gli attivisti più importanti, ma meno conosciuti della storia americana. Partner alla pari nel co-fondare i primi sindacati dei lavoratori agricoli insieme a Cesar Chavez, i suoi enormi contributi sono stati in gran parte non riconosciuti. Dolores ha guidato instancabilmente la lotta per la giustizia razziale e lavorativa al fianco di Chavez, diventando una delle femministe più provocatorie del XX secolo – e continua la lotta fino ad oggi, a 87. Con un accesso intimo e senza precedenti a questa madre di 11 figli, il film rivela l’impegno totale nel favorire un cambiamento sociale.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 16:00
TALK: Non ho l’età: quando a sposarsi è una bambina. Viaggio nel fenomeno dei matrimoni precoci e delle “devadasi”

Un approfondimento sul tema delle spose bambine e del fenomeno poco conosciuto delle ‘devadasi’ attraverso la testimonianza diretta di WeWorld Onlus e dei suoi partner in India e Nepal, accompagnate dal racconto di due donne, Laura Battaglia e Alessandra Quadri, che hanno deciso di raccontare il fenomeno attraverso due mezzi differenti, il graphic journalism e la fotografia.

Intervengono:
Laura Silvia Battaglia -giornalista, autrice de La sposa yemenita
Alessandra Quadri – fotografa
Marco Pinna – redattore e photoeditor di National Geographic
Juliana Lohar – partner WeWorld Onlus India
Maddalena Spada – WeWorld Onlus Italia
Modera: Marilisa Palumbo, Corriere della Sera.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 16:00
TALK: Avere 20 anni sul web, tra empowerment e stereotipi

Conversazione tra Daria Bernardoni, editori in Chief di Freeda, e le youtubers Muriel e Cleo Toms.

E’ il momento dedicato alle giovani generazioni, alle prese con nuove forme di comunicazione, quelle di social network, nuove forme di violenze, come il cyberbullismo, ma anche nuovi modi di espressione dell’essere donne, libere e forti. A confronto sul tema, in una conversazione a tutto tondo, le youtubers Muriel e Cleo Toms  e Daria Bernardoni, editori in Chief di Freeda.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 16:30
PREMIO FUORICINEMA WeWorld – Marco Tullio Giordana La voce delle immagini: il cinema come strumento di denuncia

Può il linguaggio del cinema far luce su tematiche sociali e farsi messaggero di denunce? Il regista Marco Tullio Giordana (I Cento Passi, La Meglio Gioventù, Romanzo di Una Strage) conversa con Stefano Barigelli (Condirettore de La Gazzetta dello Sport) sul rapporto tra cinema e universo femminile.

Film “Nome di Donna”.

Una storia di molestie sul lavoro e omertà raccontate con grande forza e un pizzico di leggerezza.

Nina (Cristiana Capotondi) si trasferisce da Milano in un piccolo paese della Lombardia, dove trova lavoro in una residenza per anziani facoltosi. Un mondo elegante, quasi fiabesco, che cela tuttavia un segreto scomodo e torbido. Quando Nina lo scoprirà, sarà costretta a misurarsi con le sue colleghe, italiane e straniere, per affrontare il dirigente della struttura, Marco Maria Torri (Valerio Binasco) in un’appassionata battaglia per far valere i suoi diritti e la sua dignità.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 17:00
TALK: L’astronauta ESA Samantha Cristoforetti dialoga con Martina Pennisi Modera Martina Pennisi, Corriere della Sera

Tra gli ospiti più attesi della III giornata del festival, il 25 novembre, ci sarà l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) Samantha Cristoforetti, nel 2014 a bordo della ISS con la missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), protagonista di una conversazione a tutto tondo con la giornalista Martina Pennisi  durante la quale racconterà la sua esperienza professionale nelle sue molteplici sfaccettature.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 17:30
TALK: Proteggiamo le bambine. Il lato oscuro dello sport: il caso dell’equitazione

Partendo dal caso dell’equitazione, mondo in cui aumentano i casi e le denunce di molestie si farà una riflessione sulla necessità di proteggere le bambine, i bambini e gli adolescenti dalle possibili insidie che si nascondo anche in un mondo positivo come quello dello sport. Attraverso il racconto dell’esperienza di Cavallo Rosa, movimento di donne nato per denunciare casi di molestie nell’equitazione, quasi sempre taciuti, si parlerà della necessità di adottare norme attuali, sanzioni severe, punizioni esemplari e codici etici rigorosi che permettano di isolare chi rischia di inquinare il mondo dello sport.  

Intervengono:
Omerta’ e muro di gomma: se denunciare significa perdere il lavoro (Testimonianza di Lucilla Montanari, istruttrice)
Federica, la mia esperienza con il mostro. Inizia a 15 anni il viaggio nell’orrore (testimonianza di Federica Domenegoni, amazzone)
Il codice di salvaguardia e protezione degli allievi adottato dalla British Horse Society: un esempio da seguire. (Alessandro Pellegrini, giornalista di settore e istruttore, British Horse Society)
L’importanza della formazione “a tutto tondo” nel Settore Giovanile di F.C. Internazionale – esempi di progetti virtuosi: Roberto Samaden, Direttore del Settore Giovanile di F.C Internazionale
Il progetto di formazione rivolto al contrasto dell’abuso sessuale su minori all’interno del settore giovanile di FC Internazionale: Paolo Giulini – Criminologo clinico e Presidente del CIPM
Pedofilia e sport: la nullità del consenso. Se l’abusante è una figura di garanzia, la tutela della legge si estende fino a 18 anni. (Paola Pendino, magistrato)
Cinque proposte per una svolta antipedofilia nello sport  (Il Cavallo Rosa)

Modera: Daniela Simonetti, caposervizio Sport Agenzia ANSA
Testimonial: Filippo La Mantia.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 17:30
FILM IN ANTEPRIMA: Lipstick under my burkha

di Alankrita Shrivastava | 2017 | INDIA | 117′

La lotta delle donne per l’indipendenza. La storia di quattro donne indiane con altrettanti segreti nascosti: una studentessa col burka sogna di diventare una cantante pop; un’altra fa l’estetista e coltiva il desiderio di fuggire dalla sua piccola città; un’altra ancora, madre di tre figli, porta avanti una seconda vita come commessa; infine, una vedova di 55 anni riscopre il desiderio sessuale grazie a una storia d’amore telefonica.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 17:30
CONVERSAZIONE: Stereotipi di genere: chiacchierata semiseria con il Terzo Segreto di Satira

A partire dalla visione di un episodio di ‘TSS ON THE ROAD. An EU Aid Volunteers webseries’, sulla violenza domestica in Nicaragua il collettivo italiano di videomaker satirici racconta l’impatto che il viaggio tra Libano e Nicaragua nei progetti di GVC Onlus ha avuto sulle loro vite. Con un linguaggio frizzante e toni leggeri, aneddoti di vita on the road si mescolano alla satira. Perché spesso la chiave del successo consiste nel saper ridere in ogni situazione.

Modera: Federico Russo – Radio Deejay.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 18:30
TALK: Donne come noi Incontro by Donna Moderna

Dall’omonimo libro-progetto scritto dalla redazione di Donna Moderna, il racconto di tre donne che per entusiasmo, determinazione e coraggio, sono riuscite a realizzarsi.
Intervengono:
Alessandra Laricchia – prima e unica ranger italiana in Namibia
Chiara Montanari – prima donna italiana a capo di una spedizione in Antartide
Paola Zukar – fondatrice di Big Picture Management, che segue i più importanti artisti hip-hop italiani, da Fabri Fibra a Marracash

Introduce Liliana Di Donato, Donna Moderna.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 18:30
TALK + CORTO IN ANTEPRIMA Cristallo by Studio Universal (Mediaset Premium)

Manuela Tempesta introduce il film insieme alla giornalista Stefania Carini, Corriere della Sera

Corto: Cristallo di Manuela Tempesta | 2018 | ITALIA | 15

Attraverso la storia di due donne, Elena (Daphne Scoccia) e Sofia (Giglia Marra), accomunate da un grande segreto, il film indaga sui meccanismi che innescano i comportamenti violenti, sottolineando la necessità di interventi tempestivi in grado di arginare i maltrattamenti subiti nella vita quotidiana.

Segue Cocktail con regista in sala

Clicca qui per iscriverti.

Ore 19:00
FILM IN ANTEPRIMA: Butterfly

di Alessandro Cassigoli | 2018 | italia | 80′

Irma ha solo 18 anni, ma è già una campionessa di boxe. Il suo successo è un risultato notevole per una ragazza cresciuta in uno dei paesi più violenti del napoletano. Tuttavia, più Irma riesce nel suo percorso sportivo, più si rivela fragile nel suo percorso interiore. Trascorre mesi nei ritiri di allenamento lontano da casa, sotto pressione e con enormi aspettative nei suoi confronti. Inizia ad insinuarsi in lei il dubbio se valga la pena o meno di rinunciare alla sua gioventù per i propri obiettivi.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 20:30
Charity dinner Organizzata da Francesca Senette e Marcello Forti di Food&Life

TENOHA di Via Vigevano, 18 – Milano
Charity Dinner a cura dello chef stellato Tano Simonato.
 
La serata andrà a sostegno del nostro progetto rivolto alle bambine e adolescenti, in particolar modo “dhalit” (fuori casta), nello stato del Karnata in India. Il progetto si propone di prevenire e combattere lo sfruttamento sessuale delle bambine e delle donne negli slum di Goa e Bellary, dove la povertà e la discriminazione di genere e di casta rendono vulnerabili bambine e donne.

Cena su invito. Per informazioni:
Nadia: +39 02 76317984     amministrazione@foodelife.it

Ore 20:30
PERFORMANCE: CREDEVO CHE

Scritto da Simonetta Agnello Hornby; regia di Filomena Campus.

Una performance/work in progress in parole, musica e canto nella quale Simonetta Agnello Hornby e Filomena Campus, vocalist jazz e regista, condividono con il pubblico quello che la Hornby ha imparato in trent’anni di avvocatura a Brixton attraverso i clienti del suo studio legale, il primo in Inghilterra ad avere dedicato un settore ai casi di violenza domestica. Lo spettacolo vuole essere un momento di riflessione e respiro su un tema che coinvolge tutti, quale che sia l’etnia, il credo religioso, l’orientamento sessuale.

Clicca qui per iscriverti.

Ore 20:30
TEATRO: Il Cielo in una pancia. Di e con Alessandra Faiella Testo di Francesca Sangalli, regia di Andrea Lisco.

Introduce la serata l’attrice Euridice Axen.

Molto più spesso di quanto crediamo, la pancia rivela le nostre vere emozioni. È sincera anche quando vorremmo mentire a tutti (persino a noi stessi) e ci aiuta a prendere decisioni importanti. La pancia ci segue fin dall’infanzia e non è capace di restarsene in silenzio.

Con la sua comicità spiazzante Alessandra Faiella racconta le fasi della vita di una donna – l’infanzia, l’adolescenza, a maternità – attraverso il punto di vista della sua pancia, che conserva ricordi e sensazioni d’amore, momenti di gioia, di paura, di dolore.

Clicca qui per iscriverti.

Mostre aperta al pubblico – da sabato 24 a domenica 25 novembre

 

Elisa-effetti collaterali

“EFFETTI COLLATERALI, quando le donne non si danno per vinte’ è il progetto fotografico della fotoreporter Isabella Balena per WeWorld Onlus che si sviluppa attraverso una serie di ritratti di donne che hanno deciso di non tacere, di non arrendersi, di contrastare violenza e stereotipi di genere. Donne che hanno subito violenza o che ne sono state testimoni, donne oggetto di stereotipi, combattive e in prima linea sui fronti della legge, della politica, della cultura, della medicina, dello sport per migliorare la propria esistenza o per favorire l’empowerment femminile e della propria comunità. Una galleria tutta al femminile di eroine della quotidianità, alcune note, altre meno, tra le quali Emma Bonino, Ilaria Cucchi, Ivana Galli, Lucia Annibali, Matilde D’Errico, Ilaria Capua, Elisa Di Francisca.

 

 

 

strati danimo

 ‘STRATI D’ANIMO’, la mostra dell’artista milanese Chiara Corio, una trentina di quadri realizzati prevalentemente con materiali di riciclo che rappresentano una riflessione sulle esperienze che le donne vivono nel corso della loro vita, un invito per tutte le donne a parlare, a parlarsi, a mettere in comune idee, linguaggi, amori, gioie, sofferenze, che come strati si accumulano, si sovrappongono e si fondono a formare la coscienza di essere donna.

 

 

 

Il WeWorld Festival rappresenta il momento culminante della nostra campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne e i loro figli, un fenomeno che in Italia ha dati disarmanti.

Sono oltre 6 milioni le donne che in Italia subiscono violenza, molte di queste sono madri.

Nella metà dei casi di violenza domestica i bambini vedono picchiare la propria madre e il passo dall’essere spettatore a diventare vittima è molto sottile.

Per loro siamo presenti, sul territorio italiano, con i nostri Spazi Donna WeWorld Onlus, attivi nelle città di Roma, Napoli e Palermo, in quartieri in cui la violenza sulle donne è talmente diffusa da essere non solo giustificata ma nemmeno percepita. In questi spazi ci rivolgiamo alle donne e ai loro bambini, per far emergere le situazioni più difficili e dare una risposta concreta.

Inoltre, siamo presenti con il programma SOStegno Donna nel Pronto Soccorso dell’ospedale San Camillo Forlanini di Roma, un servizio di accoglienza specifica H 24, 7 giorni su 7, che lavora in sinergia con il personale ospedaliero, per proteggere le donne vittime di violenza e, se necessario, anche i loro figli.

AIUTACI A PROTEGGERE LE DONNE E I LORO BAMBINI DALLA VIOLENZA.

DONA ORA

 

 

 

 

 

 

Con il patrocinio di:
logo-italia-the-circlelogo-italia-the-circlelogo-italia-the-circlelogo-italia-the-circlelogo-italia-the-circle
In collaborazione con:
logo-italia-the-circle
Media partner:
Grazie a:
logo-italia-the-circlelogo-italia-the-circle novamontFood&Life
AXAnewtonnaimabaci peruginabaci peruginaAXA

 

Aiutaadesso!

Sono oltre 6 milioni le donne che in Italia subiscono violenza, molte di queste sono madri.

Nella metà dei casi di violenza domestica i bambini vedono picchiare la propria madre e il passo dall’essere spettatore a diventare vittima è molto sottile.

 

 

SOSTIENI ORA