Manca pochissimo alla XVI edizione del Terra di Tutti Film Festival, a Bologna e online su Mymovies dal 6 al 11 ottobre 2022, la rassegna di cinema sociale, incontri ed eventi che promoviamo insieme a COSPE, che ha l’obiettivo di dare visibilità a popoli, paesi, lotte e conflitti «dimenticati» dai mezzi di comunicazione di massa.

Un ricco programma di proiezioni con storie dall’Afghanistan alla Palestina, passando per il Brasile e il Myanmar, fino all’Ucraina. Tra gli ospiti: Stefano Liberti, Francesca Tosarelli, Nadeesha Uyangoda, Esperance Hakuzwimana Ripanti, Djarah Kan, Tahar Lamri, Marta Serafini, Takoua Ben Mohamed e Renata Ferri

Anticipazioni del programma

Iniziamo con due serate di anteprima a ingresso gratuito con tre film per la prima volta a Bologna: il 21 settembre alle 21 all’Arena Orfeonica di Broccaindosso la proiezione di One More Jump di Manuele Gerosa (Italia, 2019, 82’), mentre la seconda anteprima il 30 settembre al VAG61: alle 21 Hong Kong, Ga Yau di Marco Di Noia (Italia/Hong Kong, 2020, 50’), e, a seguire, Julian Assange, the prince of Truth di Nicolas Vescovacci, Luc Hermann e Paul Moreira (Francia, 2022, 53’).

Entrando nel vivo del Festival, saranno 22 film in concorso su 492 iscrizioni, fra cui 5 prime visioni nazionali e 8 prime visioni bolognesi, oltre a 8 cortometraggi fuori concorso prodotti dalle ong WeWorld e COSPE. Tra i più attesi:

  • Giovedì 6 ottobre, ore 21,30 al Cinema Lumière: The earth is blue as an orange di Iryna Cilyk (Ucraina, 2020, 70’);
  • Venerdì 7 ottobre ore 22, Cinema Lumière: Myanmar Diaries del collettivo The Myanmar Film Collective (Paesi Bassi, 2021, 80’) e vincitore del premio del pubblico al Festival di Berlino 2022;
  • Sabato 8 ottobre ore 18,00 al Cinema Lumière: per la prima volta in Italia Vento na fronteira di Marina Weis e Laura Faerma (Brasile, 2022, 77’);
  • Domenica 9 ottobre, ultimo giorno di Festival,ore 20,30, Cinema Lumière: prima bolognese di Negra di Medhin Tewolde Serrano (Messico, 2020, 82’).

Per andare oltre i confini della città e dare modo anche a chi vive fuori Bologna di partecipare al Festival a distanza, per tutta la durata della rassegna i film in concorso saranno visibili sulla piattaforma Mymovies.

Non solo cinema

Il Terra di Tutti Film non è solo cinema, ma si accompagna a un ricco calendario di eventi fuori sala che si terranno nei giorni del Festival tra gli spazi del DAS e DAMSLab. In particolare, segnaliamo:

  • giovedì 6 e venerdì 7 ottobre: la Masterclass 7 passaggi per produrre un documentario sociale, un workshop formativo di 10 ore complessive per imparare a costruire un documentario sociale, dall’idea alla distribuzione;
  • giovedì 6 ottobre: il seminario di formazione realizzato in collaborazione con la Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna Crisi Mediatiche e Crisi Dimenticate (ore 9,30-13,30, DAS);
  • venerdì 7 ottobre: Caporalate - storie di quotidiano sfruttamento delle donne in Tunisia (ore 11, DAS) un approfondimento del fenomeno del caporalato al femminile in Italia e in Tunisia;
  • sabato 8 ottobre: Antirazzismo, ieri oggi e domani. Generazioni a confronto (ore 11, DAS), un incontro e dibattito storico e generazionale sulla lotta al razzismo in Italia. Alle 18.30, in anteprima al Cameo Crescere in Mozambico, Presentazione graphic novel di Takoua Ben Mohamed realizzata da WeWorld. Alle 19.45 al Cinema Lumière la presentazione in anteprima del documentario realizzato da WeWorld con il fotografo Alessandro Cinque e il regista Giorgio Ghiotto sull’impatto dell’estrattivismo in Perù, Bolivia ed Ecuador.
  • domenica 9 ottobre: introduce la proiezione di One Day One Day , realizzato da Will Media, la presentazione dei corti MagdaClan, realizzati nell’ambito della campagna #ClimateOfChange di WeWorld, che raccontano il dietro le quinte dello spettacolo di circo contemporaneo che ha girato l’Europa per raccontare il nesso tra migrazioni e cambiamento climatico.

Sostengono il Festival, tante realtà come Regione Emilia-Romagna, Emilia-Romagna Film Commission, Comune di Bologna, Fondazione Cineteca di Bologna, AFIC (Associazione Festival Italiani del Cinema), Coop Alleanza 3.0, Emil Banca, e tante realtà sociali del territorio.

A breve il programma dettagliato su www.terradituttifilmfestival.org