WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88
17 novembre 2020

WeWorld Index 2020

Italian Version Below 

 

WEWORLD INDEX 2020:2 OUT OF 3 COUNTRIES DO NOT GUARANTEE A DIGNIFIED LIFE TO WOMEN AND CHILDREN

 

In 110 out of 172 countries women and children are experiencing forms of exclusion (in 49 countries serious or very serious forms of exclusion, 1 country out of 3). The Covid-19 pandemic has led to a limitation of fundamental rights for women and children in the world with a very strong negative impact on the access to generalised education in all countries.

These are the main results of the 2020 edition of the WeWorld Index, the annual report that measures the level of inclusion of women and children in 172 countries worldwide through 34 indicators, conducted by WeWorld – a non-governmental organisation that has been working for more than 50 years to guarantee the rights of women and children in 27 countries, including Italy. The report includes an in-depth analysis of the impact of Covid on the education of children and adolescents.

The sixth edition of the WeWorld Index photographs the world at the time of Covid-19 with the addition of 3 new indicators measuring the impact of covid-19 on health, education and the economy. It shows that 2 out of 3 countries do not guarantee a dignified life for the most vulnerable: more violence, less access to education and health care and a lack of a healthy environment to grow up in are the characteristics of countries most at risk. In 2020, countries with an insufficient level of inclusion increased by 5%, which means that if the pace remains steady, by 2030 we will have another 26 countries below average/not able to ensure sufficient levels of inclusion for women and children.

Considering the Covid-19 indicators in the 2020 ranking, there is a general deterioration in the inclusion of women and children. It is likely that in the long term the impact of the pandemic will be stronger in the countries at the bottom of the ranking: low-income economies, where the effects of Covid-19, even with fewer infections, are likely to be amplified due to the already unstable conditions for the inclusion of women and children“. Marco Chiesara, President of WeWorld, said: “These countries, which do not have the resources to cope adequately with the effects of the pandemic, risk falling even further behind. Moreover, many of them are in geographical areas affected by other crises: climate change and natural disasters, chronic poverty, armed conflict, authoritarian and undemocratic governments and, in extreme cases, forms of modern slavery”.

The impact of Covid-19 as a multiplier of inequalities is evident in many areas. Suffice to say with the introduction of smart working and distance learning in lockdown, online traffic has tripled, although only 55% of families have access to a stable internet connection (only 19% in the least developed countries). In addition to this, than 11 million girls will not return to school after the health crisis, putting them at risk of early pregnancy, abuse and child marriage. By the end of 2020 there will be 117 million more children living in extreme poverty.
Effective action that has a positive impact on levels of inclusion of women and children worldwide requires a holistic approach that includes the different dimensions of health, education, economy, society and not just sporadic and isolated interventions.

WEWORLD INDEX – METHOD AND RANKING

The WeWorld Index 2020 looks at 172 countries, comparing the living conditions and quality of life of women and children, and establishing a world ranking that ranges from the most inclusive to the countries with the most severe exclusion.

The WeWorld Index’s final ranking was obtained by assessing the living conditions of those most at risk of exclusion, women and children, through the analysis of 34 indicators grouped into 17 dimensions that refer to four elements: health, education, economy and society, as well as the environmental and cultural context. In the 2020 Index, the consequences of the pandemic have been taken into account by adding 3 new indicators: confirmed cases of infected people by country, collected by WHO; percentage increase in GDP in 2020 by country (International Monetary Fund); school closing days by country (World Bank and UNESCO).

The WeWorld Index reiterates the need to move from the mere recognition of certain rights to their concrete realisation through capacity building, understood as the real possibilities that people, especially women and children, have to achieve their goals. The research also demonstrates with concrete examples how living conditions of women influence the living conditions of children, and vice versa, considering four areas of action: health, education, economy, society.

Norway is confirmed first in the ranking, followed in second place by Finland, Iceland and Sweden. Overall, the countries of Central and Northern Europe, as well as New Zealand, Canada and Australia, are still in the highest positions, as they have been since the beginning of the Index series. All African countries in the Sahel area, plus the Central African Republic and the Democratic Republic of Congo and the two Asian countries, Yemen and Afghanistan (162nd and 165th respectively) are ranked in the last positions. In last place is South Sudan, preceded by Chad and the Central African Republic, which for the first time does not occupy the last position.

Focus 2020: education at the time of Covid-19

Among the many inequalities highlighted by the Covid-19 emergency, access to education is one of the most obvious. In March 2020, most countries introduced nationwide closures of early childhood education services, schools and universities, affecting over 91% of the world’s student population, more than 1.5 billion pupils. 

To mitigate the impact of school closures, governments around the world have implemented distance-learning programmes on radio, television and through online lessons. However, relying solely on this medium has exacerbated inequalities, as Internet access is not equally available to all social classes and in different geographical areas. Globally, only 55% of households have an Internet connection: in the developed world, 87% are connected, compared to 47% in developing countries, and only 19% in least developed countries.
The education blockade has had a devastating domino effect with a far-reaching social and economic impact on families, communities and society as a whole, especially for the most vulnerable areas and groups,” comments Marco Chiesara, President of WeWorld. “Covid-19 has shown that traditional education systems are not adequately equipped to respond to the crisis and must change. WeWorld has developed a distinctive approach to education, which has proven efficient in responding to the effects of the pandemic. The approach focuses on creating synergies between families, communities and schools to support children’s education, with five key pillars: community engagement and empowerment; equitable access to resources for all; safe and inclusive learning; quality education; and strengthening education systems”.

Following these criteria, WeWorld has responded to the crisis by supporting children’s learning and providing them with psychosocial support and life-saving information. In particular, in India, Syria, Brazil, Tanzania and Italy, WeWorld has adapted existing education programmes to the situation to provide support for children and families.

Highlights
• Between 2015 and 2020, the number of countries below the WeWorld Index average score increased by 5%. If we assume a steady trend over the next 10 years, by 2030 the number of countries below the average will have increased by 15% (around 26 countries more). Globally, the inclusion of women and children is still insufficient. This means that globally 1 in 3 countries cannot guarantee a dignified life for women and children.
• According to current estimates, a 25% increase in violence against women during lockdown has been reported in those countries where reporting systems are in place.
Up to 85 million more children are at risk of physical, sexual or emotional violence than before the epidemic, following months of global lockdown.
• Globally, the health emergency caused by the Covid-19 pandemic and subsequent lockdown measures have led to a 20% reduction in the provision of essential health services.
More than 11 million girls may not return to school after the Covid-19 crisis, putting them at risk of early pregnancy, abuse and child marriage.
• More than 117 million children will be living in extreme poverty by the end of 2020 due to Covid.
• In Italy, almost 70% of the young people WeWorld works with in the suburbs have neither a PC/tablet nor an Internet connection at home. In order to provide support for these young people, WeWorld has worked to make extensive use of other forms of digital support (WhatsApp, telephone calls), has set up a telephone support line for children and families, and has actively involved all educational actors (teachers, educators, parents, etc.).

infographic-A4-300

Read the WeWorld Index 2020 or see the presentation

 

WEWORLD INDEX 2020: 2 PAESI SU 3 NON GARANTISCONO UNA VITA DIGNITOSA A DONNE E BAMBINI

 

Sono 110 su 172 i Paesi in cui donne e bambini stanno subendo forme di esclusione (in 49 Paesi forme di esclusione gravi o gravissime, 1 paese su 3). La pandemia da Covid-19 ha portato a una limitazione dei diritti fondamentali per donne e bambini nel mondo con un fortissimo impatto negativo sull’accesso all’istruzione generalizzato in tutti i Paesi.

Questi i principali risultati dell’edizione 2020 di WeWorld Index, il rapporto annuale che misura il livello di inclusione di donne e bambini in 172 Paesi nel mondo attraverso 34 indicatori, condotta da WeWorld – organizzazione italiana che da 50 anni difende i diritti di donne e bambini in 27 Paesi compresa l’Italia. Il rapporto include un approfondimento sull’impatto del Covid nell’educazione di bambini e adolescenti.

La sesta edizione di WeWorld Index fotografa il mondo ai tempi del Covid-19 con l’aggiunta di 3 nuovi indicatori che misurano l’impatto del covid su salute, educazione ed economia. Emerge che 2 Paesi su 3 non garantiscono una vita dignitosa alle fasce più vulnerabili: più violenza, minor accesso a istruzione e cure mediche e mancanza di un ambiente sano in cui crescere sono le caratteristiche dei paesi più a rischio. Nel 2020 sono aumentati del 5% i paesi con un livello di inclusione non sufficiente, questo significa che se il ritmo resta costante entro il 2030 avremo altri 26 paesi sotto la media/non in grado di assicurare sufficienti livelli inclusione per donne e bambini.

Considerando nella classifica del 2020 gli indicatori relativi al Covid-19 si rileva un generale peggioramento dell’inclusione di donne e bambini. È probabile che a lungo termine l’impatto della pandemia sarà più forte nei Paesi in fondo alla classifica: economie a basso reddito, dove gli effetti del Covid-19, anche a fronte di un minor numero di contagi, rischiano di essere amplificati a causa delle condizioni già instabili per l’inclusione di donne e bambini”. Dichiara Marco Chiesara, Presidente WeWorld – “Questi Paesi, che non dispongono delle risorse necessarie per far fronte adeguatamente agli effetti della pandemia, rischiano di rimanere ancora più indietro. Inoltre, molti di questi si trovano in aree geografiche colpite da altre crisi: cambiamenti climatici e disastri naturali, condizioni croniche di povertà, conflitti armati, governi autoritari e non democratici e, nei casi più estremi, forme di schiavitù moderna”.

L’impatto del Covid come moltiplicatore di disuguaglianze è evidente in molti ambiti. Basti pensare che con l’introduzione dello smart working nel lockdown e della didattica a distanza è triplicato il traffico online, nonostante questo solo il 55% delle famiglie ha accesso a una connessione internet stabile (solo 19% in quelli meno sviluppati). A questo si aggiunge che saranno oltre 11 milioni le bambine che dopo la crisi del Covid non rientreranno a scuola, mettendole a rischio di gravidanza precoce, abusi e matrimonio forzato e entro la fine del 2020 ci saranno 117 milioni di bambini in più che vivranno in condizioni di povertà estrema.

Per un’azione efficace che abbia un impatto positivo sui livelli di inclusione di donne e bambini a livello mondiale serve un approccio olistico che includa le diverse dimensioni legate a salute, istruzione, economia, società e non solo interventi sporadici e isolati.

WEWORLD INDEX – METODO E CLASSIFICA

Il WeWorld Index 2020 considera 172 Paesi, comparando le condizioni e la qualità della vita di donne e bambini e stilando una classifica mondiale che va dai Paesi con miglior livello di inclusione ai Paesi caratterizzati da gravissima esclusione.

La classifica finale del WeWorld Index è stata ottenuta valutando le condizioni di vita dei soggetti più a rischio esclusione, donne e bambini, attraverso l’analisi di 34 indicatori raggruppati in 17 dimensioni che si riferiscono a quattro elementi: salute, istruzione, economia e società, oltre al contesto ambientale e culturale. Nell’Index 2020, le conseguenze della pandemia sono state prese in considerazione aggiungendo 3 nuovi indicatori: casi confermati di persone infette per Paese, raccolti dall’OMS; aumento percentuale del PIL nel 2020 per Paese (Fondo Monetario Internazionale); giorni di chiusura delle scuole per Paese (Banca Mondiale e Unesco).

Con il WeWorld Index si ribadisce la necessità di passare dal mero riconoscimento di alcuni diritti alla loro concreta realizzazione attraverso lo sviluppo delle capacità, intese come le effettive possibilità che le persone, soprattutto donne e bambini, hanno per raggiungere i propri obiettivi. La ricerca dimostra anche con esempi concreti come le condizioni di vita di una donna influenzino le condizioni di vita dei bambini, e viceversa, considerando quattro aree di azione: salute, educazione, economia, società.

La Norvegia, seguita al secondo posto da Finlandia, Islanda e Svezia, si riconferma prima in classifica. Nel complesso, i paesi dell’Europa centrale e settentrionale, oltre a Nuova Zelanda, Canada e Australia, sono ancora nelle posizioni più alte, come lo sono stati fin dall’inizio della serie dell’Index. Tutti i paesi africani nella zona del Sahel, più la Repubblica Centrafricana e la Repubblica Democratica del Congo e i due Paesi asiatici, Yemen e Afghanistan (rispettivamente 162° e 165°) sono classificati nelle ultime posizioni. All’ultimo posto c’è il Sud Sudan preceduto da Ciad e Repubblica Centrafricana, che per la prima volta non occupa l’ultima posizione.

Focus 2020: l’istruzione ai tempi del Covid-19
Tra le tante disuguaglianze evidenziate dall’emergenza Covid-19, l’accesso all’istruzione è una delle più evidenti. Nel marzo 2020 la maggior parte dei Paesi ha introdotto la chiusura a livello nazionale di servizi di istruzione alla prima infanzia, scuola e università, colpendo oltre il 91% della popolazione studentesca mondiale, più di 1,5 miliardi di alunni.
Per mitigare l’impatto della chiusura delle scuole, i governi di tutto il mondo hanno implementato programmi di apprendimento a distanza su radio, televisione e attraverso lezioni online. Tuttavia, fare affidamento solo su questo mezzo ha aggravato le disuguaglianze, essendo l’accesso a Internet non egualmente disponibile per tutte le classi sociali e nelle diverse aree geografiche. A livello globale, solo il 55% delle famiglie dispone di una connessione Internet: nel mondo sviluppato l’87% è connesso, rispetto al 47% nei Paesi in via di sviluppo, e solo il 19% nei Paesi meno sviluppati.

“Il blocco dell’istruzione ha avuto un devastante effetto domino con un impatto sociale ed economico di vasta portata su famiglie, comunità e società nel suo insieme, soprattutto per le aree e i gruppi più vulnerabili” commenta Marco Chiesara, Presidente di WeWorld. “Il Covid-19 ha dimostrato che i sistemi educativi tradizionali non sono adeguatamente attrezzati per rispondere alla crisi e devono cambiare. WeWorld ha sviluppato un approccio distintivo all’istruzione, che si è dimostrato efficiente per rispondere agli effetti della pandemia. L’approccio è concentrato sulla creazione di sinergie tra famiglie, comunità e scuole per sostenere l’istruzione dei bambini, con cinque pilastri fondamentali: coinvolgimento e responsabilizzazione della comunità; equo accesso alle risorse da parte di tutti; apprendimento sicuro e inclusivo; istruzione di qualità; rafforzamento dei sistemi educativi”.

Seguendo questi criteri, WeWorld ha risposto alla crisi sostenendo l’apprendimento dei bambini e fornendo loro supporto psicosociale e informazioni salvavita. In particolare in India, Siria, Brasile, Tanzania e Italia WeWorld ha adattato i programmi educativi esistenti alla situazione, per garantire sostegno a bambini e famiglie.

Highlights numerici

• Tra il 2015 e il 2020 il numero di Paesi al di sotto del punteggio medio del WeWorld Index è aumentato del 5%. Se ipotizziamo un trend costante per i prossimi 10 anni, entro il 2030 i Paesi al di sotto della media saranno aumentati del 15% (circa 26 Paesi in più). A livello globale l’inclusione di donne e bambini è ancora insufficiente. Ciò significa che globalmente 1 Paese su 3 non può garantire una vita dignitosa a donne e bambini.
• Secondo alcune stime, è stato segnalato un aumento del 25% della violenza contro le donne durante il lockdown in quei Paesi in cui sono in atto sistemi di segnalazione.
• Fino a 85 milioni di bambini in più sono a rischio di violenza fisica, sessuale o emotiva rispetto a prima dell’epidemia, a seguito dei mesi di lockdown globali.
• A livello mondiale, l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia Covid-19 e le successive misure di blocco, hanno portato a una riduzione del 20% dell’offerta di servizi sanitari essenziali.
Oltre 11 milioni di ragazze potrebbero non tornare a scuola dopo la crisi del Covid-19, mettendole a rischio di gravidanza precoce, abusi e matrimonio forzato.
• Oltre 117 milioni sono i bambini che entro la fine del 2020 vivranno in condizioni di povertà estrema a causa del Covid
• In Italia quasi il 70% dei giovani con cui WeWorld lavora nelle periferie non ha né pc/tablet né una connessione Internet a casa. Per garantire supporto a questi giovani, WeWorld si è adoperata per usare in maniera capillare altre forme di supporto digitale (WhatsApp, telefonate), ha attivato una linea telefonica di supporto per bambini e famiglie, e ha continuato a coinvolgere attivamente tutti gli attori educativi (insegnanti, educatori, genitori, etc.).

Leggi il WeWorld Index 2020 o guarda il video della presentazione.