Emergenza Ucraina: la tua azienda può fare la differenza per bambini, donne e famiglie.

@ Giovanni Diffidenti / WeWorld

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, a seguito dell’invasione russa, i cittadini stanno pagando il prezzo più alto. Bambini, bambine e famiglie sono state costrette ad abbandonare le proprie case, cercando riparo in centri di accoglienza e rifugi per sfollati o dirigendosi verso altri Paesi. Prima della recente escalation, a partire dall’annessione della Crimea nel 2014, circa 2.9 milioni di bambini, donne e uomini sono stati colpiti da otto anni di conflitto in Ucraina orientale, nella regione sud-orientale di Donbass. Si stima che un attacco su larga scala come questo potrebbe costare altre 50.000 vite e sfollare fino a 5 milioni di persone

Il conflitto in corso difatti continua ad avere gravi costi umani, causando un numero crescente di vittime civili. I mezzi di sussistenza sono stati interrotti e infrastrutture civili tra cui centinaia di case, ospedali, aeroporti, orfanotrofi, e scuole continuano ad essere prese di mira e danneggiate gravemente. Secondo l’ONU, circa 7 milioni di persone sono sfollate e più di 4 milioni hanno lasciato l’Ucraina dall’inizio dell’offensiva, di cui la metà sono bambini e bambine, diretti nei paesi vicini come Polonia e Moldavia, ma anche nel resto d’Europa. In Italia, sono già oltre 85.000 gli ucraini arrivati nel Paese (di cui circa metà donne e metà minori) e secondo le previsioni ne arriveranno almeno 800.000 nei prossimi mesi.

Per far fronte a questa drammatica situazione, WeWorld prevede un intervento ad ampio raggio per rispondere all’emergenza umanitaria in corso con iniziative e azioni mirate in Ucraina, in Moldavia e in Italia, volte a garantire aiuti umanitari alle vittime della guerra, in particolare a bambini, bambine, donne e famiglie.

WeWorld è attiva in Ucraina e in Moldavia grazie a vari local partner, tra cui ChildFund Germania, che dal 2004 opera in Ucraina con organizzazioni non governative locali a supporto di bambini e giovani sfollati.

Con il contributo della tua azienda potrai contribuire a:

  • Supportare operativamente bambini, donne e famiglie vulnerabili con la distribuzione di beni di prima necessità (cibo, acqua, sacchi a pelo/coperte, kit igienico-sanitari, etc.)
  • Erogare un piano di supporto economico a persone vulnerabili per l’acquisto di beni di prima necessità e per esigenze familiari
  • Fornire assistenza e supporto psicologico per donne, bambini/e e soggetti vulnerabili in fuga dalla guerra
  • Garantire attività ludiche e ricreative per i bambini e bambine che hanno bisogno di ricostruire la loro routine e ricreare una «normalità» attraverso la creazione di child-friendly spaces
  • Realizzare un piano di educazione in emergenza per realizzare attività didattiche e scolastiche (una sorta di modello DAD) per garantire continuità educativa a bambini/e e ragazzi/e.

Ci aiuterai a portare soccorso e a mantenere le persone più fragili al sicuro. Avrai la possibilità di condividere con i tuoi clienti e dipendenti, l’esempio virtuoso di un’impresa attenta ai diritti umanitari schierandoti in prima linea nella difesa di donne, bambini e bambine vulnerabili. 

La tua azienda potrà così schierarsi contro la guerra e dalla parte dei diritti, sostenendo il nostro intervento per l’Emergenza Ucraina.

DONA ORA:

Con bonifico bancario 

Invia un bonifico intestato a We World Onlus presso Intesa San Paolo
IBAN IT61 K030 6901 6261 0000 0123 774
Causale: nome azienda, Emergenza Ucraina
Ogni donazione fatta a WeWorld è sicura e fiscalmente deducibile o detraibile.

Se vuoi ideare insieme a noi un piano dedicato per l’emergenza Ucraina in linea con le esigenze della tua azienda contattaci via email all’indirizzo corporate@weworld.it oppure chiamaci al 3406049913