Bambini, bambine e famiglie in tutta l'Ucraina stanno fuggendo o si stanno nascondendo dopo che la Russia ha attaccato il paese da tre lati all'inizio del 24 febbraio.
Questa invasione è l'ultima di un conflitto in corso che ha ucciso migliaia di persone dal 2014, si stima che un attacco su larga scala come questo potrebbe costare altre 50.000 vite e sfollare fino a 5 milioni di persone.

WeWorld è certificato da ECHO (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) per operare in contesti emergenziali, grazie alla protratta esperienza e al suo approccio metodologico consistente e trasformativo.

Siamo presenti in Ucraina grazie al nostro partner ChildFund Germania che lavora nel Paese dal 2004 e ci siamo attivati immediatamente per fronteggiare l’emergenza e per fornire aiuti umanitari ai bambini, alle bambine e alle loro famiglie. Ma non solo, il nostro intervento è anche in Moldavia, nella zona del comune di Palanca, uno dei confini più caldi nel fronte sud della guerra e che sta diventando luogo di accoglienza per famiglie, anziani e bambini.

I cittadini ucraini arrivati in Italia possono contare su di noi. A partire dalle città di Milano e Bologna, dove già esiste una collaborazione strutturata con le amministrazioni comunali, sarà organizzato un programma per ospitare famiglie nell’ambito del progetto Spazio Donna: 7 centri in 6 città italiane in cui accogliamo donne vittime di guerra e violenza, accompagnandole in percorsi di empowerment e ricostruzione dei legami sociali.

Ma non basta, le persone che hanno bisogno di aiuto aumentano giorno dopo giorno, abbiamo bisogno di te per portare soccorso e a mantenere bambine e bambini al sicuro.

Non lasciarli soli