Live sulla pagina Facebook di WeWorld

Quali strategie per la prevenzione della radicalizzazione giovanile?

Il lavoro educativo e di comunità per la città dei giovani

Nell’ambito del progetto europeo RaPRhizome against Polarization promosso da WeWorld Onlus, è organizzata una Tavola Rotonda Nazionale che si propone di approfondire e condividere strategie di intervento concreto per la prevenzione della radicalizzazione giovanile.

A partire dalla presentazione del lavoro di ricerca realizzato nell’ambito del progetto RaP “Estremismo violento e radicalizzazione giovanile: vettori, manifestazioni e strategie di intervento”, verranno discusse con esperti, giornalisti e rappresentanti istituzionali, a livello locale e nazionale, indicazioni e raccomandazioni utili ad offrire proposte attuative concrete che permettano di superare un approccio meramente securitario del fenomeno.

Programma

Saluti introduttivi 

  • Elena Gaggioli, Assessore alle Politiche per gli adolescenti, i giovani e la famiglia del Comune di Bologna
  • Stefano Piziali, Responsabile Programmi Italia ed Europa, WeWorld

Presentazione della ricerca Estremismo violento e radicalizzazione giovanile: vettori, manifestazioni e strategie di intervento

  • Alessandro Bozzetti, Università Bologna - Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

Panel 1: Narrare e prevenire la radicalizzazione tra i giovani

  • Cristina Caparesi, psicologa e pedagogista, membro Radicalisation Awareness Network
  • Raffaella Biagioli, Università di Firenze - Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia
  • Chaimaa Fatihi, autrice del libro “Non ci avrete mai. Lettera aperta di una musulmana italiana ai terroristi”

Panel 2: Il lavoro di rete nella comunità. Il ruolo degli enti locali per una città inclusiva per i giovani

  • Neva Cocchi, Referente Progetto RaP, WeWorld
  • Mirca Ognisanti, Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni del Comune di Bologna

Tavola Rotonda: Confronto aperto su buone pratiche e raccomandazioni

  • La tavola rotonda è aperta a decisori politici, studiosi, rappresentanti del terzo settore, mondo scolastico, formativo e associativo quotidianamente a contatto con i giovani.

Conclusioni e moderazione: Ambra Notari, Redattore Sociale