WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88
6 agosto 2020

Esplosione Libano

BEIRUT: URGENTI CIBO E KIT DI EMERGENZA

 

*Nella foto l’appartamento di una nostra collega a Beirut 

 

Sono 250 mila le persone che, si stima, sono rimaste senza casa dopo le esplosioni del 4 agosto che a Beirut, hanno ucciso più di 100 persone e lasciato migliaia di feriti. Un incidente che ha colpito duramente il porto, fonte di scambio di scorte alimentari e altri beni di prima necessità.

Ci sono diversi bisogni che devono essere affrontati con urgenza: rifugi, sicurezza alimentare e bisogna anche ricordarsi di prevenire il diffondersi della pandemia“, ha detto Pauline Pruvost-Czapek, Advocacy and Communication Coordinator in Libano. Sul posto, quindi, il nostro staff si è subito attivato per far fronte all’emergenza e supportare i più vulnerabili distribuendo kit per l’acqua pulita e per l’igiene personale, oltre ai kit di prevenzione da Covid-19 e di primo soccorso.

Quando l’attuale pandemia ha raggiunto il Libano all’inizio di quest’anno, abbiamo riadattato le nostre attività per continuare a sostenere l’istruzione dei bambini, dato che le scuole erano state chiuse. Si pensa che le esplosioni di questi giorni abbiano colpito più di 20 scuole, il che potrebbe ritardare ulteriormente la decisione di riaprire le scuole della capitale.

In questa attuale crisi sanitaria, abbiamo sostenuto i bambini e le loro famiglie inviando loro attività educative e ricreative a distanza. Tuttavia, le diverse interruzioni dell’apprendimento, unite all’aggravarsi delle disuguaglianze e al recente incidente di Beirut, potrebbero mettere a repentaglio la vita dei bambini, dei loro genitori e degli insegnanti e potrebbero avere conseguenze a lungo termine sulle loro condizioni di vita.

Come Weworld, il nostro lavoro con i bambini qui in Libano è strettamente legato all’aspetto educativo“, spiega Francesca Anastasia, Emergency Program Coordinator. Che continua: “Tuttavia, possiamo dire che le esplosioni avranno un impatto psicologico sui bambini: nessuno si aspettava questo disastro e sarà difficile da gestire“.

Prima dell’esplosione, il Libano stava già vivendo una profonda crisi economica con numerose proteste di piazza. “La settimana scorsa la situazione era già critica per quanto riguarda l’economia. La gente faticava persino a trovare cibo e cominciava a morire di fame – ha concluso Pauline – Ogni fascia della società sta risentendo della crisi economica: la classe media sta diventando povera e i poveri stanno diventando estremamente poveri. La gente pensava che non potesse andare peggio. Poi è successo questo“.

Lavoriamo in Libano dal 2006, concentrando gran parte del nostro intervento per sostenere e proteggere i più vulnerabili, garantire i diritti dei ragazzi e delle ragazze e assicurare loro la possibilità di andare a scuola.
Il nostro pensiero va a tutti coloro che sono stati colpiti dalle esplosioni e alle loro famiglie.

I nostri colleghi sul campo sono al sicuro e continueranno a sostenere chi ne ha bisogno. Aiutali a sostenere donne, bambini e bambini in difficoltà donando subito