Il progetto, che interessa quattro paesi (Giordania, Palestina, Libia e Tunisia) è finalizzato al coinvolgimento delle organizzazioni della società civile nella riforma dei processi politici, migliorando il loro ruolo di vigilanza attraverso il rafforzamento e la valorizzazione delle loro capacità e abilità. Il progetto prevede la costruzione di coalizioni e piattaforme di cooperazione e coordinamento permanente a livello nazionale e regionale, in modo da supportare le organizzazioni della società civile nel contribuire ed influenzare la futura agenda di sviluppo regionale nei quattro paesi che presentano punteggi piuttosto bassi in termini di indicatori di governance, soprattutto in merito alla voce “responsabilità ed efficacia del governo”. L’azione pone un’attenzione particolare alla realizzazione di attività specifiche in paesi considerati fragili, al fine di supportare ed implementare un migliore equilibrio e un processo di apprendimento condiviso. L’idea generale del progetto si concretizza nella promozione di una cooperazione e di uno scambio di buone pratiche efficaci e sostenibili tra Sud e Sud.