Il progetto vuole garantire l’accesso ai servizi igienico-sanitari di base delle persone più vulnerabili che vivono sotto l’occupazione israeliana, nell’Area C della Cisgiordania. Si tratta di garantire un canale di accesso all’acqua, potabile e non, sostenibile, raggiungibile e conveniente. Il progetto sostiene 70 comunità, non servite o scarsamente servite, in termini di accesso all'acqua, fornendo loro servizi di distribuzione dell'acqua.Il progetto vuole garantire l’accesso ai servizi igienico-sanitari di base delle persone più vulnerabili che vivono sotto l’occupazione israeliana, nell’Area C della Cisgiordania. Si tratta di garantire un canale di accesso all’acqua, potabile e non, sostenibile, raggiungibile e conveniente. Il progetto sostiene 70 comunità, non servite o scarsamente servite, in termini di accesso all'acqua, fornendo loro servizi di distribuzione dell'acqua.Il progetto vuole garantire l’accesso ai servizi igienico-sanitari di base delle persone più vulnerabili che vivono sotto l’occupazione israeliana, nell’Area C della Cisgiordania. Si tratta di garantire un canale di accesso all’acqua, potabile e non, sostenibile, raggiungibile e conveniente. Il progetto sostiene 70 comunità, non servite o scarsamente servite, in termini di accesso all'acqua, fornendo loro servizi di distribuzione dell'acqua.Il progetto vuole garantire l’accesso ai servizi igienico-sanitari di base delle persone più vulnerabili che vivono sotto l’occupazione israeliana, nell’Area C della Cisgiordania. Si tratta di garantire un canale di accesso all’acqua, potabile e non, sostenibile, raggiungibile e conveniente. Il progetto sostiene 70 comunità, non servite o scarsamente servite, in termini di accesso all'acqua, fornendo loro servizi di distribuzione dell'acqua.