Il progetto è volto al miglioramento del sistema di cura degli anziani e all’inserimento di giovani con disabilità intellettive nel Centro storico dell’Avana Vecchia. L’azione rafforzerà i servizi esistenti, promuovendo meccanismi di sostenibilità e un nuovo modello di gestione, basato sui modelli innovativi italiani, in special modo quelli del tessuto della cooperazione sociale della Regione Friuli Venezia Giulia. In questi anni, la OHCH (Oficina del Historiador de Ciudad Habana) ha sviluppato un sistema di recupero degli edifici in gran parte decadenti del centro storico della città, per destinarli ad azioni di protezione sociale dei gruppi più vulnerabili, avviando in essi dei centri di assistenza diffusa basati su principi di equità, sostenibilità sociale e attenzione a gruppi vulnerabili e promovendo processi di partecipazione cittadina. Questo sistema, fortemente dipendente dallo Stato, sta affrontando la sfida di rendersi e mantenersi sostenibile di fronte all’aumento del numero di persone anziane, introducendo forme di gestione miste, statali e non, che coinvolgano le operatrici (principalmente donne), familiari, istituzioni pubbliche e organizzazioni della società civile.