Background Image
Previous Page  3 / 18 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 3 / 18 Next Page
Page Background

3

Per non parlare delle vittime: 295

persone decedute

4

, quasi 30.000 sfollati che hanno

trovato riparo nei palazzetti dello sport, nei centri polivalenti, in strutture allestite ad

hoc o alberghi messi a disposizione lungo la costa adriatica.

La solidarietà della popolazione italiana è stata notevole: solo tramite il numero solidale

attivato dalla Protezione civile sono stati raccolti milioni di euro. Senza contare le

raccolte fondi attivate da diverse organizzazioni del Terzo settore e della società civile. A

sua volta il governo ha emanato diversi decreti d’emergenza e stanziato per il 2017 una

spesa di 6 miliardi di euro per la ricostruzione.

Ma le zone colpite dal terremoto hanno subito ingenti danni, in termini economici,

umani, fisici, psicologici, e sociali. Non si tratta solo di ricostruire edifici distrutti e

finanziare la ripresa economica di oltre 11.000 imprese danneggiate

5

, ma soprattutto di

ricreare spazi, tempi e luoghi di vita quotidiana per le persone, restituendo loro - per

quanto possibile - un po’ di normalità.

2.

I programmi di Cash Transfer per il sostegno alle persone colpite da crisi

umanitarie

Da tempo ormai si sono affermate alcune specifiche forme di sostegno alle persone

colpite da crisi umanitarie che sembrano avere una certa efficacia.

Si tratta dei programmi di

Cash Transfer

(trasferimento di denaro), chiamati anche

Cash

for Support

, che vengono

utilizzati sia nei paesi sviluppati sia in quelli in via di sviluppo

per supportare persone e famiglie colpite da crisi umanitarie o che vivono in

condizioni di povertà ed esclusione

.

I

Cash Transfer

sono trasferimenti di denaro – invece di beni materiali – che possono

essere usati a seconda delle scelte e delle priorità degli individui, per rispondere alle

diverse esigenze che sorgono in situazioni di crisi e/o povertà. Obiettivo primario dei

Cash Transfer

è quello di fare in modo che le persone possano sopperire ai propri

bisogni primari decidendo le priorità.

Esistono vari tipi di

Cash Transfer

. I

Cash Grants

sono trasferimenti diretti di denaro

contante che possono essere condizionati o non condizionati. I

Conditional Cash Grants

(o

Conditional Cash Transfers

, CTTs) presuppongono che il trasferimento di denaro sia

condizionato alla realizzazione di un’attività, all’accettazione di determinate condizioni

e/o di un programma, all’adozione di comportamenti socialmente “virtuosi”. Esempi in

tal senso sono: l’impegno da parte delle famiglie a garantire la frequenza scolastica dei

figli, a usufruire di regolari prestazioni sanitarie di tipo preventivo e curativo, a

partecipare a corsi di educazione sanitaria e sociale. Il programma più conosciuto è

quello realizzato in Messico a partire dal 1997 e noto come

Oportunitades

(inizialmente

I programmi di

Cash Transfer o

Cash for Support

I vari tipi di Cash

Transfer:

Cash Grants

1)conditional

4

A cui si aggiungono le 29 vittime della valanga abbattutasi sull’Hotel Rigopiano a gennaio 2017 (si veda

nota 1).

5

Secondo il registro delle imprese tenuto dalle Camere di commercio e aggiornato al 30 settembre 2016, le

aziende colpite dal sisma erano 7.576, salite a oltre 11.000 dopo le scosse di ottobre. Si tratta per lo più di

aziende agricole, ma anche manifatturiere e nel turismo, che operano in settori importanti come quello

della scarpa (Tod’s) o degli elettrodomestici (Whirpool e Ariston) (Sole24Ore,

L’economia delle aree colpite

dal terremoto. La mappa,

1 novembre 2016,

http://www.infodata.ilsole24ore.com/2016/11/01/leconomia- delle-aree-colpite-dal-terremoto-la-mappa/