WeWorld
SE VUOI SAPERE COME RENDERE CONCRETO IL TUO AIUTO CHIAMACI DAL LUN-VEN 9.00-18.00 AL NUMERO 848.88.33.88

I nostri interventiin India

LA STORIA DI SEJAL

“Sejal è una bambina brillante, attiva a scuola e molto volenterosa. La famiglia di Sejal è molto povera e i genitori faticano a sfamare i loro 5 bambini. Il padre è un autista di auto risciò, mentre la madre lavora saltuariamente. Vivono nello slum Sathaglli, situato nella parte est di Mysore, a 6 chilometri dal centro città, in cui vivono più di 300 famiglie.

Sejal adora andare a scuola e partecipa regolarmente alle riunioni del Child Rights Club, in cui sta imparando a comprendere i diritti dei bambini e altre questioni relative all’infanzia.

Ma i genitori di Sejal, un giorno, decisero di interrompere la sua educazione e di organizzare il suo matrimonio con un uomo molto più grande di lei. Il matrimonio precoce è purtroppo una pratica molto diffusa in India, in quanto libera le famiglie di una persona da sfamare ed è anche un modo per controllare la sessualità delle ragazze ed evitare relazioni prematrimoniali.

Sejal però si è opposta con forza e ha avvisato il nostro staff chiedendo un aiuto per bloccare il suo matrimonio. Ci siamo subito attivati e ci siamo recati a casa della bambina, abbiamo parlato con i genitori convincendoli a cambiare idea sulla sorte di Sejal. I genitori hanno poi  partecipato a degli incontri di sensibilizzazione sui rischi e gli svantaggi dei matrimoni precoci, che li hanno aiutati a comprendere anche l’importanza dell’istruzione per le ragazze.

Sejal oggi è molto felice, perché grazie alla sua caparbia e al nostro intervento è riuscita a fermare il suo matrimonio, ma cosa più importante, è riuscita nell’intento di proseguire i suoi studi e realizzare i suoi sogni.”

Paola, operatore WeWorld in India.

 

La situazione in India

L’India è uno dei maggiori paesi al mondo con una popolazione di 1,28 miliardi di abitanti (stima 2017) ed è divisa in 29 stati e 7 divisioni amministrative con 20 lingue ufficialmente riconosciute. 

L’india è al 131esimo posto su 188 paesi secondo l’indice di sviluppo umano 2016 dell’ONU (un indice  usato per misurare il benessere di un paese e che è basato sull’aspettativa di vita, sul livello di istruzione e sul GNI pro capite) con  il 30% della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà.

L’economia diversificata dell’India comprende l’agricoltura tradizionale dei villaggi, l’agricoltura moderna, l’artigianato, una vasta gamma di industrie moderne, e una moltitudine di servizi. Poco meno della metà della forza lavoro è impiegata nell’agricoltura ma i servizi sono la maggior fonte di guadagno.

Nonostante la crescita dell’India sia rallentata nel 2017 (meno del 7%), le prospettive per la crescita a lungo termine del Paese sono moderatamente positive a causa di una popolazione molto giovane (più del 45% della popolazione è under 24), del basso tasso di dipendenza, di buoni tassi di investimento e della crescente integrazione nell’economia globale. Il PIL pro capite indiano ammonta a 7.200 dollari, mentre quello italiano ammonta a 38.000 dollari (Est 2017)

Tuttavia, questa crescita non è inclusiva: il 21,9% delle persone vive al di sotto della soglia di povertà e le sfide a lungo termine rimangono significative: l’India purtroppo ha un sistema di produzione e distribuzione dell’energia inefficiente, vi è un’inefficace applicazione dei diritti di proprietà intellettuale, i trasporti e le infrastrutture agricoli risultano inadeguati e limitate possibilità di impiego in settori differenti da quello dell’agricoltura.

Le principali sfide riconosciute come ostacoli alla crescita economica dell’India sono: la discriminazione di bambine, ragazze e donne; spese elevate e sussidi poco mirati, inadeguata disponibilità di un’istruzione di base e superiore di qualità e accoglienza della migrazione interna dal contesto rurale a quello urbano (tasso annuale di urbanizzazione 2,28%). (Fonte: CIA World FactBook).

 

Come interveniamo

Il nostro programma per il Paese dell’India, dal 2017 al 2020, focalizza i suoi interventi nell’affrontare le principali debolezze del paese con l’obiettivo di contribuire a una crescita inclusiva sostenibile, a lungo termine:

  1. Fermare la discriminazione contro donne e ragazze con un nuovo programma a Goa e nel Nord Karnataka;
  2. Migliorare l’acessibilità dei più poveri  a sovvenzioni pubbliche rese disponibili dai numerosi schemi governativi.
  3. Assicurare una migliore qualità dell’istruzione nelle scuole con interventi diretti e facendo leva sul programma e le risorse del governo.
  4. Garantire il diritto di apprendere ai bambini di famiglie di migranti stagionali.

A favoredei bambini

DIAMO UN FUTURO AL NOSTRO FUTURO: I BAMBINI.

 

Noi di WeWorld ci ispiriamo alla Convenzione Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza del 1989.

Scopri di più

A favoredelle donne

A FAVORE DELLE DONNE E DELLE MAMME

 

Povertà, discriminazioni e violenza relegano le donne all’ambito domestico. Spesso alle bambine viene negato l’accesso all’istruzione e, private della loro infanzia, diventano mogli e madri troppo presto.

Scopri di più

Doveinterveniamo

Italia

Scopri la storia
di Francesca

Italia

Brasile

Scopri la storia
di Gabriela

Brasile

Benin

Scopri la storia
di Yves

Benin

Tanzania

Scopri la storia
di Ahmed

Tanzania

Kenya

Scopri la storia
di Marie

Kenya

India

Scopri la storia
di Sejal

India

Cambogia

Scopri la storia
di Sayni

Cambogia

Nepal

Scopri la storia
di Bijay

Nepal
clicca sui paesi e scopri le storie